Tu sei ciò che è il tuo profondo trascinante desiderio.
Come il tuo desiderio è, così è la tua volontà.
Come la tua volontà è, così sono i tuoi atti.
Come sono i tuoi atti, così è il tuo destino.

Brihadaranyka
panishad

 

La risata è il fenomeno più sacro che esista sulla terra,
perchè esso è la vetta più alta della consapevolezza.
La vita intera è una grande barzelletta cosmica.

Osho

 

La teoria è quando si sa tutto e niente funziona.
La pratica è quando tutto funziona e nessuno sa il perchè
Noi abbiamo messo insieme la teoria e la pratica: non c'è niente che funzioni... e nessuno sa il perchè!

Albert Einstein

"Non arrendersi mai" è una cosa che tutti dovrebbero fare nella propria vita. Non arrendersi mai è anche il titolo di un libro che ho letto proprio ora, tra l'altro, purtroppo, non proprio di facile reperibilità nelle librerie... Io l'ho ordinato alla mia di fiducia la LEVROTTO & BELLA LIBRERIA EDITRICE UNIVERSITARIA, appena fuori dal Politecnico di Torino (lato ovest), lì riesco a trovare tutto. Questo libro racconta la vita di una persona diversamente abile che realizza tutti i suoi sogni aiutando non solo se stesso, ma anche gli altri ( la sua app Handiphone: http://handiphone.it/handiphone/handiphonesiracconta )! Emoticon smile Mi sento di consigliarlo davvero a tutti! | Roberto, ma è vero che me lo fai un autografo sul tuo libro appena passo dall'Istituto Superiore Mario Boella?
Peretto Renzo 17 gennaio 2016

Breve e intenso, un invito a non piangersi addosso specialmente a tutti i normodotati. Bravo Roberto. Un esempio per tutti
Da Amazon Customer 17 settembre 2015

Una storia meravigliosa, scritta col cuore, lo consiglio a tutti. La storia di Roberto che con motivazione e determinazione conquista la sua vita un passettino per volta, insegna che si può gioire per le piccole conquiste e che queste piccole gioie possono portare a grandi risultati. Bravo Roberto.
Da Amazon Customer 17 febbraio 2016

Bel libro, scritto bene. Ho avuto modo di comprendere più a fondo il significato di diversa abilità... e mi ha aiutato a comprendere quanto la volontà possa prevalere sul proprio status fisico o di salute. Mi ha portato un messaggio candidamente positivo sulla realtà umana e sociale dell'autore. Merita una prosecuzione.
Bruna Bertolo

E' stata un'emozione immensa per me partecipare alla premiazione del premio letterario città di Torino Arte Città Amica giunto alla sua dodicesima edizione. Con me Mauro Minola, Fabrizio Legger per la sezione narrativa. E' stata una gioia immensa anche perchè quest'anno il premio è stato assegnato a Roberto Russo per il suo libro Non arrenderti mai. Voglio riportare la motivazione della giuria, inserita nell'Antologia del premio: Primo classificato: ROBERTO RUSSO, Non arrendersi mai, Neos editrice 2015. E’ un libro che racconta la storia autobiografica di uno straordinario coraggio. Quel coraggio che è un elemento essenziale dell’autore, Roberto Russo, la cui vita è stata, ed è, condizionata, da una grave disabilità fisica. Andando oltre i limiti in cui il suo problema sembrava averlo confinato, Roberto è riuscito a raggiungere vette straordinarie, con grandi sacrifici ed una volontà sorretta da una intelligenza pronta e vivace. Il libro si caratterizza per uno stile narrativo asciutto ed essenziale che rappresenta la forma migliore per il contenuto: non ci sono parole vuote nel suo racconto, così come non ci sono nelle difficoltà quotidiane che costellano la sua vita. Capace di raccontare il dramma e le difficoltà di alcuni momenti particolarmente difficili con ironia, con lo sguardo di chi osserva con disarmante razionalità le proprie difficoltà emozionali, l’autore ha saputo conquistarci: un libro che rappresenta davvero uno straordinario esempio positivo, con l’invito a non arrendersi mai. Il traguardo da lui raggiunto, ingegnere informatico, ne è la dimostrazione. Felice con te, caro Roberto, per il tuo coraggio e per il sostegno incrollabile della tua famiglia. Grazie a Egidio Albanese e Luca Sterpone per gli scatti fotografici. Con Danilo Tacchino, Silvia Maria Ramasso, Alessandra Ferraro, Mauro Minola, Fabrizio Legger e tutti quelli che hanno condiviso questo momento intenso!
Bruna Casale Luglio 2015

Nel suo libro Roberto ci dimostra come la condizione di disabilità renda più complesso e difficoltoso il raggiungimento di tante cose della vita: studiare, lavorare, sperimentare la sessualità, amare e ricevere amore, condividere desideri ed emozioni con gli amici, vivere una vita autonoma con graduale svincolo dalla famiglia di origine, desiderare una vita da protagonisti dove rimanga qualche traccia del nostro percorso. E' uno splendido spunto di riflessione leggere quando Roby descrive il sostegno ricevuto dalla insegnante e poi si ritrova, nel progetto Stephen Hawking, a “sostenere”, forse senza accorgersene il percorso scolastico di ragazzi delle scuole superiori. Dal libro e da Roby si può evincere quanti traguardi abbia raggiunto e quanti siano solo in pausa temporanea.
Ivana Posti 1 Novrembre 2015

Evvaaaaai ... Oggi ho incontrato un altro Supereroe!!!!!
Non arrendersi mai il suo messaggio che è anche il mio motto, una persona solare e piena di vita! Grazie Roberto Russo complimenti e a prestissimo! Arte Città Amica - GAM di Torino ... Primo Premio romanzo inedito a Roberto Russo con Non arrendersi mai Ed. NEOS
Buonanotte Mondo
tutto il resto può attendere fino a domani!
Mara 19 gennaio 2015

Ho sempre amato leggere, amo leggere, la mia casa e il mio studio sono pieni di libri, … amo il libro per il suo essere stato scritto da chi ha un’anima che ha movimentato una mente che lo ha fatto scrivere. Ci sono favole, storie d’amore, romanzi d’avventure, trattati scientifici, … poi ci sono molti miei articoli, scritti, favole per bambini, racconti, … Amo leggere, amo scrivere, amo comunicare ma poi ci sono quei libri che sono “pezzi di vita”, sono ricordi che prendono forma di lettere e capitoli.
E poi c’è un libro che quando l’ho letto non ho letto parole e pensieri ma ho visto un sorriso: quello di Roberto Russo.
Ho rivisto il mio grande amico Roberto Russo, dell’Ing. Roberto Russo, un orgoglio italiano, un uomo che supera la barriera della “non possibilità”, di quella “diversità” creduta da altri che non possono fare quello che ha fatto lui nella sua vita. Grazie Roberto per quello che hai fatto, che hai scritto, … per quello che sei, per CHI SEI!
Spero di riabbracciarti presto e di rileggere nei tuoi occhi quella gioia di vivere che il tuo sorriso stupendo dona a chiunque abbia l’onore e la fortuna di conoscerti.
Con affetto e stima
Mara